MINISTRO PER IL SUD PROVENZANO COME I PARTIGIANI DELLA SCUOLA PUBBLICA: BEFFATI. LA VICEMINISTRA ALL’ECONOMIA LAURA CASTELLI [M5S] PROVA A SMENTIRE I DATI.

Il primo ottobre veniva annunciata la proposta[1] per il Mezzogiorno del neo-ministro per il Sud Giuseppe Provenzano:

“Giuseppe Provenzano, ministro per il Sud e la coesione territoriale, ha annunciato il suo piano per il Mezzogiorno: si parte proprio dalla scuola, con investimenti sugli asili nido.

Per la scuola del Sud 15 miliardi di euro, un piano mirato per fermare l’emigrazione dei giovani dal Mezzogiorno al Nord o all’estero. Scuole aperte tutto il giorno e investimenti per gli asili nido, così che si pensi non solo ai bambini ma anche ai genitori dando spazio al potenziale delle donne”.

 

Come Partigiani della Scuola Pubblica avevamo individuato lo stesso tipo di intervento[2]:

“Per invertire la tendenza occorre investire al Sud ed evitare lo spopolamento e favorire la crescita occupazionale. A cominciare dagli sili nido e dal tempo pieno nelle scuole. Creando e favorendo quindi una doppio canale lavorativo, sia degli occupati direttamente nelle strutture scolastiche (quindi insegnanti, personale educativo e ausiliario, imprese di pulizia) sia delle famiglie in favore maggiormente dell’occupazione femminile, che ricordiamolo è fra la più bassa in europa. Il 63,3% è la media UE, mentre al Sud si ha Basilicata, Puglia, Calabria, Campania e Sicilia nelle ultime sei con valori del tasso di occupazione intorno al 30-35%”.

Apprendiamo che il fondo destinato agli asili nido per il 2020 è composto da due porzioni. Una di 520 milioni proviene dalla manovra di bilancio, e una seconda di 249 milioni dal fondo della 107 per l’asse 0-6 [all’origine era di 209 milioni ai quali il ministro Fioramonti ha aggiunto altri 40]. Un totale di 769 milioni.

Ma apprendiamo nella mattinata del 15 novembre anche la notizia[3] dal quotidiano “il Mattino di Napoli” da un articolo a firma di Marco Esposito [autore del best seller “Zero al Sud” in cui ha denunciato gli zeri proprio di asili nido al Sud] Piano asili, beffa per il Sud: solo il 24% dei fondi 2020”.

 

Insomma nemmeno il 34% che prevede la legge. Una stortura che spiega ancora il giornalista:

I 520 milioni per i nidi gratis saranno gestiti dal ministro della Famiglia Elena Bonetti [area PD] e inevitabilmente andranno di più al Nord perché lì sono i servizi e quindi lì devi concentrare i bonus. In base ai posti disponibili (tra pubblici e privati) si può stimare che il Sud si debba accontentare del 17%. L’altro tesoretto, da 249 milioni, dovrebbe essere destinato soprattutto al Sud, perché gli asili nido vanno costruiti dove mancano. Invece la quota per il Mezzogiorno è il 37%, poco più del 34% di base. Esposito spiega il perchè:

Se i riparti finali saranno questi, il Mezzogiorno avrà 92 milioni sui 520 per i nidi gratis e 92 milioni su 249 per costruire i nidi dove mancano. Il totale fa 184 milioni su 769 ovvero il 24%. Quota 34%, insomma, continua a essere un miraggio. Chi ha di più, avrà di più. Anche a tre anni d’età”.

Di tutto ciò intendiamo chiedere conferma innanzitutto al ministro per il Sud Giuseppe Provenzano, poiché, provenendo egli dallo Svimez sappiamo conosca molto bene cosa è costato finora al Sud la mancata attuazione della clausola del 34% e la deviazione costante dei fondi dello stato in favore delle regioni del Nord. Nella giornata di ieri è intanto giunto un video[4] fatto dalla viceministra all’Economia Laura Castelli del M5S nel quale cerca di chiarire la posizione del Governo relativamente alla descrizione fatta da Marco Esposito. Di fatto conferma le cifre. 209 milioni di euro dalla “Buona Scuola” ripartiti secondo i criteri fissati dal precedente governo (quindi con gli zeri al Sud) ai quali hanno aggiunto 40 milioni da ripartire secondo il criterio perequativo, ossia favorire maggiormente le aree dove il servizio è assente [ed ecco erchè di fatto viene garantito che non vi saranno più comuni con zero servizi per l’infanzia]. La Castelli spiega che è stato creato un altro fondo specifico per la costruzione e messa in sicurezza degli asili nido di 2,5 miliardi di euro all’interno di un fondo più ampio di 33 miliardi per gli enti territoriali da investire a partire da quest’anno fino al 2034. Per questa spesa verrà applicata, garantisce la viceministra, la clausola del 34%, come prevede del resto la legge fortemente voluta dal governo Conte 1 e Conte 2.  Pertanto si chiede come il giornalista Esposito abbia calcolato il 24% dei servizi al Sud.

La risposta di fatto è in una tabella che Esposito ha pubblicato ieri.

In essa vengono anche evidenziati i fondi per gli asili gratis, concentrati in maggiore consistenza nelle regioni del Nord, perché il bonus si dà agli iscritti, quindi dove le strutture già ci sono! Di questo la Castelli nel video non ne ha parlato. Ma sicuramente ci sarà modo di approfondire tutte le evoluzioni. Importante è essere vigili e chiedere spiegazioni. Così come ci aspettiamo anche una risposta dal ministro per il Sud Giuseppe Provenzano.

[1] https://www.tecnicadellascuola.it/tempo-pieno-e-asili-nido-per-aumentare-loccupazione-al-sud https://www.orizzontescuola.it/tempo-pieno-a-scuola-e-investimenti-negli-asili-nido-ecco-il-piano-per-il-sud/

[2] https://www.orizzontescuola.it/psp-evitare-spopolamento-al-sud-cominciando-dal-tempo-pieno-nelle-scuole/

[3] https://www.ilmattino.it/economia/piano_asili_beffa_sud-4863660.html

[4] https://www.facebook.com/LauraCastelliPortavoce/videos/609866176416853/

IMMAGINJE PROVENZANO.jpg

Prof.ssa Rosella Cerra per i PSP

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...