PSP ESORTA LA POPOLAZIONE AD INFORMARSI ED INFORMARE SUL REFERENDUM DEL 17 APRILE CONTRO LE TRIVELLE IN MARE. VOTARE “SI” PER SALVARE IL MARE

 

piattaformaI media stanno facendo di tutto per oscurare la notizia, sono davvero pochi gli italiani consapevoli che il 17 aprile si voterà per decidere se abrogare il comma 17, terzo periodo, dell’articolo 6 del dlgs n. 152 del 2006 che consente alle imprese di estrarre gas e petrolio per la durata di vita utile del giacimento, quindi per altri decenni. Con la vittoria del SI non si potranno rinnovare le concessioni per l’estrazione di gas e petrolio alle imprese proprietarie di piattaforme entro le 12 miglia dalla costa.

Perchè siamo favorevoli al SI, contro le trivelle:

1. è noto che il processo di estrazione determina inquinamento dei mari: le cozze da piattaforma, regolarmente vendute, ad esempio, contengono cadmio e benzene, sostanze altamente cancerogene (dati di Greenpeace)

2. il ricorso all’airgun (aria compressa sparata con violenza sui fondali) provoca danni diretti e indiretti a specie marine come cetacei, tartarughe, pesci (in Norvegia per questo motivo nelle zone in cui avviene questa pratica la pesca è calata del 70%)

3. in caso di incidente, i danni sarebbero irreparabili, vista anche la grandezza relativa del Mar Mediterraneo ed in particolare dell’Adriatico (per il quale bisogna considerare anche il basso fondale). Qualcuno ricorderà la Deepwater Horizon, la piattaforma petrolifera del Golfo del Messico, di proprietà della BP, che nel 2010 causò uno tra i più gravi disastri ambientali degli ultimi anni. Ma gli esempi simili sono numerosi…

4. le estrazioni equivalgono, come resa, a solo poche settimane di consumi nazionali, con royalties più basse d’Europa… Insomma alti rischi a fronte di scarsi guadagni. In parte del mondo sviluppato hanno capito che sono le energie alternative il futuro e ci si prodiga ad incentivare la sperimentazione e l’attuazione di sistemi ecocompatibili. In Italia, anche semplicemente fare ricorso ai pannelli solari è diventato un problema spesso insormontabile…

Ed esistono i problemi legati ai costi, alla subsidenza, al turismo o ancora alla politica e ai naturali interessi delle lobby;
In occasione del referendum contro la privatizzazione dell’acqua pubblica e il nucleare fu tentata la stessa strategia di oscurantismo dei mezzi di informazione e uno straordinario movimento dal basso riuscì a “bucare” il nero mediatico e a raggiungere milioni di persone.

Non vi è dubbio che gli interessi siano alti, che si tratti di contrastare imprese forti, ben radicate nel sistema politico e mediatico. Diranno che la vittoria del SI creerà disoccupazione e un danno all’economia dello Stato che dovrà importare energia dall’estero…. Dicevano le stesse cose per il nucleare, siamo sopravvissuti…

Domenica 17 Aprile, dalle 7 alle 23, andiamo a votare. Bisognerà raggiungere il quorum (50% più uno degli aventi diritto). Diamo una svolta a questo Paese e proteggiamo il mare, la risorsa più bella che abbiamo…

Annunci